5 dicembre 1916

Nella notte tra il 4 e il 5 dicembre 1916 mio padre Fausto Sestini – sino ad allora in servizio sul fronte macedone –  era a bordo del  piroscafo Helvetia, di ritorno da Salonicco a Napoli. Alle 5,30 la nave fu urtata in pieno dall’incrociatore francese Ernest Renan e si spezzò in due parti. Mio padre ci raccontava che la parte di prua affondò rapidamente mentre egli, rimasto a poppa, fu salvato dall’equipaggio del cacciatorpediniere francese “Mécanicien Principal Lestin“.

Ricorrendo proprio in questi giorni il centenario del tragico avvenimento, ho deciso di pubblicare questi pochi ricordi conservati in famiglia, assieme al frutto delle mie ricerche, in ricordo di mio padre e in memoria delle 15 vittime, di una sole delle quali – il Capitano Francesco Gazzale – conosco il nome.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Annunci